Luisa Previtera


Dai tempi della tesi di laurea, Vittorio Sereni traduttore dal francese: la trasposizione creatrice, discussa a Pavia nel 1983, si è occupata di analisi stilistica anche legata alla traduzione letteraria. Grazie a una borsa di studio dell’allora M.P.I., ha svolto attività di ricerca presso l’Istituto Italiano dell’Università di Ginevra. Ha affiancato studi di letteratura Italiana moderna e contemporanea (si veda per esempio E. Montale, Prose e racconti, a cura di M. Forti, Note ai testi a cura di L. Previtera, Mondadori, Milano 1995) a studi di linguistica e di didattica della scrittura.

Nel 1988 ha iniziato la collaborazione con la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori, oggi Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli, presso la quale ha tenuto corsi di Linguistica italiana e di Traduzione comparata. Parallelamente è docente di Lettere in un Liceo Linguistico e ha tenuto laboratori di didattica della Lingua e della Letteratura italiana presso la SILSIS dell’Università di Pavia. La lunga permanenza presso questo Istituto e la conoscenza diretta dell’istruzione liceale le hanno permesso negli anni di calibrare l’attuale corso di Letteratura Italiana virandolo all’approfondimento della conoscenza degli scrittori della seconda metà del ‘900 e alla contemporaneità. In questo ambito è solita proporre incontri con scrittori emergenti. Ha pubblicato in proposito il contributo Leggere i contemporanei: esperienze nel tempo, in La scatola a sorpresa. Studi e poesie per Maria Antonietta Grignani, Cesati Editore, 2016.

Cura attualmente anche un semestre del corso di Tecniche di redazione per gli studenti del primo anno della Laurea magistrale in Traduzione; si tratta di un laboratorio di scrittura che, proponendo varie tipologie testuali con diverse funzioni comunicative, permette agli studenti di tornare a redigere testi in lingua italiana al di fuori della pratica traduttiva, nell’intento di affinare consapevolmente questo prezioso strumento di lavoro.