Bruno Osimo


Bruno Osimo ha un diploma di traduttore dal russo e dall’inglese e un dottorato in scienza della traduzione (sup. Torop).
Ha pubblicato i romanzi Dizionario affettivo della lingua ebraica (Marcos y Marcos 2011, Premio Loria 2011), Bar Atlantic (Marcos y Marcos 2012), Disperato erotico fox (Marcos y Marcos 2014), Breviario del rivoluzionario da giovane (Marcos y Marcos 2018); il Manuale del traduttore (Hoepli 1998) e altri libri sulla traduzione. Ha curato le opere di semiotica della traduzione di Lûdskanov, Popovič, Lotman, Torop, Revzin e Rozencvejg, Jakobson, traduce dal russo (Čechov, Tolstoj, Dostoevskij, Pasternak, Bulgàkov, Leskov, Saltykov Ščedrìn eccetera) e dall’inglese (Steinbeck, Eliot, Spender, Gates eccetera).
Collabora con la rivista Sign Systems Studies del dipartimento di semiotica dell’università di Tartu.
Collabora con la rivista Testo a fronte diretta da Franco Buffoni.
È stato coordinatore del corso di Traduzione, percorso letterario, dal 2006 al 2007.
È stato coordinatore del corso di Mediazione linguistica dal 2011 al 2018.